0

CASA POPOLARE A 7,75 EURO AL MESE (SI, HAI LETTO BENE)? SE SEI UN CASAMONICA QUESTO E’ IL CANONE CHE TI RAGALA IL COMUNE DI ROMA. E NON SOLO A LORO, ANCHE ALLE PEGGIO FAMIGLIE CRIMINALI

CASAMONICA? CASA MODICA! I PARENTI DEI CASAMONICA VIVONO IN CASE POPOLARI PAGANDO 7,75 EURO DI AFFITTO PER UN APPARTAMENTO – LA CUGINA DEL DEFUNTO BOSS VITTORIO HA ACCUMULATO OLTRE 32 MILA EURO DI DEBITI IN AFFITTI ARRETRATI E LE SUE EREDI NON VOGLIONO PAGARE

Paradosso: in una città che vanta circa ventimila occupazioni abusive, i Casamonica sono quasi sempre in regola. A loro l’ appartamento è stato assegnato decenni fa e qui, nella periferia sud di Roma, c’ erano già negli anni Ottanta – Qui il canone d’ affitto si calcola in base al reddito dichiarato, anche quando (spesso) le dichiarazioni sbagliano per difetto…

 

 

 

 

Ilaria Sacchettoni per “Corriere della Sera”

Un Casamonica di ultima generazione, pannolone e ciuccio in bocca, apre la porta e ci scruta. Subito ne arriva un altro, poco più spettinato e almeno altrettanto perplesso. Roma Sud, quartiere Spinaceto. Quello di Caro Diario («Spinaceto? Credevo peggio..»). Nanni Moretti, si vede, non era venuto in via Salvatore Lorizzo, svuotati nei servizi e nel decoro. Pulsantiere degli ascensori sfondate, cassette della posta dalle lamiere piegate. Un’ enclave pubblica (sono case dell’ Agenzia territoriale del Lazio) dei Di Silvio, Sulejmanovic e Ciaglia, imparentati a «Re» Vittorio.

È qui che vivono Liliana e Marilena Di Silvio, assieme a nonna Celeste, ristretta ad un’ autorevole invalidità sulla nuova sedia a rotelle: «Non c’ entriamo co’ Vittorio – precisa subito lei -. Lui era un altro ramo della famiglia. Il funerale? Non sono andata». Icone di Padre Pio, barbuto e benevolo, spiccano alle pareti.

 In origine questo appartamento era stato assegnato ad Angelina Casamonica, cugina di Vittorio, pare, ma la prova non c’ è. Angelina, comunque, dichiarava reddito zero. Nel suo caso l’ Ater aveva applicato il canone sociale. Sette euro e settantacinque centesimi al mese. Morta anni fa, la donna si è portata debiti e penalità relative nella tomba.

Le sue eredi, Marilena e Liliana Di Silvio, devono all’ Ater del Lazio 32. 272,07 euro d’ affitto con tanto di penali arretrate. Domandiamo, allora, se lo sanno e se, a loro volta, sono altrettanto «saltuarie» nei pagamenti: «Vivo qui da vent’ anni… – dice la più giovane, Liliana, alta e formosa – Dipende. L’ ultima volta mi sono arrivati 700 euro! Quelli non li ho pagati» Marilena tace. I debiti si accumulano una generazione sull’ altra.

 Non solo Porsche e villette dai fregi dorati: ci sono Casamonica negli alloggi pubblici regionali e nelle case popolari del Campidoglio. Paradosso: in una città che vanta circa ventimila occupazioni abusive, i Casamonica sono quasi sempre in regola. A loro l’ appartamento è stato assegnato decenni fa e qui, nella periferia sud di Roma, c’ erano già negli anni Ottanta. Qui il canone d’ affitto si calcola in base al reddito dichiarato, anche quando (spesso) le dichiarazioni sbagliano per difetto.

Anche i canoni degli affiliati ai clan sembrano destinati a una rivalutazione. Ma sarà applicata? Si dirà che l’ Ater fatica a riscuotere sempre, figurarsi con i clan. Per anni nessuno ha messo a confronto le dichiarazioni degli inquilini con altri indicatori, finché, un paio di anni fa, il sommerso affiorò in tutto il suo iperbolico oltraggio e si scoprì un inquilino Ater, a reddito sociale, proprietario di un cabinato a motore, ormeggiato a Fiumicino.

Ed ecco perché ora, dopo le esequie-scandalo, il Campidoglio che ha l’ ultima parola sulle assegnazioni, ha reso noto che, da mesi, sono in corso verifiche sul reddito degli assegnatari.

Ma intanto: Antonio Casamonica, inquilino di un appartamento ad altra scala di via Lorizzo, dichiara 5.726 euro l’ anno e dunque paga un canone sociale di 7,65 euro che versa «puntualmente» assicurano all’ Ater. Giuseppe Casamonica, invece, ne dichiara 21 mila l’ anno e perciò paga cento euro mensili di affitto.

Giulia Spinelli, capofamiglia, mamma di Dante e Giovinella Casamonica, si è aggiudicata un appartamento in via Giova Battista Scozza, nei pressi di Centocelle. Anche qui canone minimo a fronte del reddito minimo dichiarato. Le occupazioni abusive dei Casamonica sono davvero episodiche. Se il clan impiega la forza nelle attività di riscossione dei debiti, almeno non sfonda le serrature. All’ Ater risultano solo un paio di abusivi del clan. In futuro, forse, sanando il dovuto, potranno mettersi in regola. Non è il caso di fare gli schizzinosi: le casse comunali piangono, perché rifiutare il dovuto da un presunto boss?

Tornando a Spinaceto, sui citofoni, c’ è un pezzo di genealogia dei clan romani. Casamonica. Spinelli. Di Silvio. Uno Spada, apparentemente fuori dal suo raggio d’ azione (il litorale: gli Spada sono i primi alleati dei Fasciani a Ostia).

 I Di Silvio invece appartengono al ramo Casamonica più preso di mira dall’ Antimafia.

Molti di loro furono condannati per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio nel maxiprocesso del 2013 ma la sentenza fu smantellata un anno fa dalla Corte d’ appello che ne prosciolse 11 e restituì i beni confiscati. Ora, nell’ enclave dell’ Ater, non hanno nulla da temere, fuorché i guasti agli ascensori che, di quando in quando, li lasciano a piedi.

 

 

FONTE

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/casamonica-casa-modica-parenti-casamonica-vivono-case-popolari-107396.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *